Anversa degli Abruzzi  Bugnara  Campo di Giove  Cansano  Cocullo  Corfinio  Introdacqua  Pacentro
  Pettorano sul Gizio  Pratola Peligna  Prezza  Raiano  Roccacasale  Scanno  Villalalgo  Vittorito
 
Home Area Informativa › I Comuni della Comunità Montana Peligna Zona F

  • Comune Villalago




    INDIRIZZI E NUMERI UTILI

    MUNICIPIO

  • Sede del Comune: Via lafolla C.
    C.A.P. 67030
    Tel. 0864.740134
    Fax 0864.740154
    Sito internet:
    http://www.comune.villalago.aq.it
    E - Mail: comunevillalago@tiscali.it
    Abitanti: 639
    Altitudine s.l.m.: 930 m. s.l.m.
    Mercato settimanale: Lunedi
    Patrono: San Domenico
    Distanze in Km: da Sulmona Km

  • FRAZIONI

  • INFORMAZIONI TURISTICHE

  • ASSOCIAZIONI
  • Associazione Pro Loco
    Via Risorgimento, 1
    tel. 0864.740567
    Circolo ACLI
    Via Roma
    Gruppo CAI
    Villalago - Sez. Sulmona
    Via Iafolla Mattia
    Tel. 0864.740226
    Gruppo Alpini
    Via Iafolla Mattia
    Sezione Combattenti e Reduci
    Via Iafolla Mattia
    Circolo Tennis
    Via Roma
    Tel. 0864.740222

  • EMERGENZE
  • Soccorso Pubblico
    Tel. 113
    Vigili del Fuoco
    Tel. 115
    Soccorso ACI
    Tel. 116
    Stazione Carabinieri
    Via - Tel. 0864.

  • EMERGENZE SANITARIE
  • Pronto Soccorso
    Tel. 118
    Guardia medica
    Circ. Scanno
    V. degli Alpini
    Tel. 0864.747290
    Farmacia Allegrini
    Via Lupi, 1
    tel. 0864.740363


  • UFFICI POSTALI
  • Via della Difesa, 1
    Tel. 0864.740136

  • TRASPORTI PUBBLICI
  • Stazione Ferroviaria
    Stazione di Prezza
    tel. 0864.

    Autolinee
    [ARPA]
    Autolinee Region. Pubbliche Abruzzesi
    Info tel. 085.4215099
    SCHIAPPA
    via Autostrada per Roma
    Info: Tel.0864.74362 - Fax 0864.74530


  • BANCHE
  • BCC Parco Nazionale d'Abruzzo
    Tel. 0864.740450

  • TEMPO LIBERO
  • - Centro Sportivo: tennis, calcio, tiro con l'arco
    - Riserva Naturale Regionale Gole del Sagittario
    - Museo Civico delle Tradizioni e del Lavoro
Storia
Situato secondo alcuni studiosi locali nei pressi di un antico "Vicus Fluturnum", l'attuale Villalago, di origine medievale, non manca di tracce di antichità nel suo territorio, soprattutto vasellame ed iscrizioni d'età romana che testimoniano una frequentazione della zona già in epoca arcaica.
Storicamente il momento più importante è la fondazione del Monastero di S. Pietro in Lago da parte di San Domenico abate, all'inizio del secolo XI; sappiamo che nel corso di tale secolo i Conti di Valva donarono la "Valle de Lacu" al Monastero, dipendente da Montecassino. In quel periodo sulle alture circostanti dovevano essere vari insediamenti, che cominciarono a gravitare intorno al nuovo organismo, il quale aveva supremazia su ben quindici grancie, nelle vicinanze e nel resto dell'Abruzzo. Forse la torre e la fortificazione vennero costruite proprio per le esigenze difensive del Monastero. Dopo i Conti di Valva furono signori del paese i Conti di Sangro, i Belprato e i Di Capua.
Nel 1565 Villalago si dichiarò libera "Università".
Ambiente
Villalago è un piccolo centro abitato posto all'interno delle straordinarie Gole del fiume Sagittario, su cui svettano due dei maggiori rilievi della zona: la Montagna Grande ad occidente e M. Genzana ad oriente. Il paese è posto tra il lago di Scanno, a monte, e il lago artificiale, a valle. Questa posizione geografica e la vicinanza ai due specchi d'acqua conferiscono al luogo la particolarità di un clima mitigato in una cornice montana. Tutto questo contribuisce, insieme alla proverbiale ospitalità delle sue genti e alla vicinanza con Scanno, a fare di Villalago una meta fissa per quei turisti che cercano oltre al divertimento anche la qualità della vita.
Enogastronomia
- "cazzellitti" con fagioli
- "cazzellitti" con orapi
- ventresca
- "sagne" e fagioli
- "surgitelli" (gnocchi) con rape
- ciambelle salate
- marri
- "fileroni" (fiadoni)
- dolci di Pasqua
Da Visitare   Manifestazioni
. Torre e borgo fortificato sec. XII-XII, con modifiche dei secoli successivi
- Chiesa parrocchiale di S. Maria di Loreto
- Chiesa di S. Michele Arcangelo ricostruita nel sec. XVI
- Oratorio dell'Addolorata
- Chiesa di S. Maria fondata nel medioevo, attualmente cinquecentesca
- Palazzo della Cancelleria
- Eremo di San Domenico, fondato nel sec. XI
- Museo Civico delle Tradizioni del Lavoro
  21 - 22 Gennaio:
Le Fanoglie - fuochi accesi in ricordo di S. Domenico
21 - 22 agosto:
S. Domenico - tradizionale arrivo della compagnia dei pellegrini di Fornelli (IS)
1 settimana di settembre:
Madonna dell'addolorata festa con fiaccolata notturna e distribuzione di ciambelle e vino
Ult. settimana dicembre:
Presepe subacqueo 
lago di S. Domenico
Eremo di San Domenico
Ingrandisci l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestraL'Eremo di San Domenico a Villalago, oltre ad essere edificato inun'area di alto valore ambientale, rappresenta una importante testimonianza nella storia dell'eremitismo della nostra Regione. La Grotta si presentava a Ingrandisci l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestrastrapiombo nella parete rocciosa, infatti solo nel1928 la valletta sottostante è stata allagata, ed una prima cappellina fu costruita davanti ad essa quando era ancora in vita il Santo per volontà dei Conti di Valva.
La chiesetta attuale, rimaneggiata nel 1736, risale al XVI secolo e di quest'epoca è il bel portale a grottesche proveniente dal diruto Monastero di S. Pietro in Lacu. Nel suggestivo portichetto sono stati dipinti in epoca recente alcuni miracoli di S. Domenico. Al di sotto erano ricavate duecelle eremitiche, abbandonate quando fu realizzato il bacino artificiale che trasformò anche l'aspetto del luogo. Al romitorio si accede da una scaletta ricavata nella roccia, il cui ingresso è dietro l'unico altare che troviamo all'interno.

Eremitismo
San Domenico era un monaco benedettino, giunse nella Valle del Sagittario intorno al 1013 e nei pressi della futura Villa de Lacu trovò una grotta molto angusta dove si ritirò in penitenza per sei lunghi anni e dove sono ancora conservati i resti del legno sopra cui dormiva, il "fornetto", cioè la pietra sopra la quale cuoceva il pane, la piccola pozza d'acqua sorgiva ancora oggi raccolta dai pellegrini per lenire il mal di denti.
  • Visita i Comuni
  • DOVE SIAMO
  • Ingrandisci l'immagine
  • Turismo
  • Alberghi
  • Ristoranti
  • Area costa Camper
  • Area Camping

Privacy - Disclaimer - Dichiarazione di accessibilità
Valid XHTML 1.0! Valid CSS!
Copyright © 2006 | Comunità Montana Peligna
Design & Powered by De Pamphilis