Anversa degli Abruzzi  Bugnara  Campo di Giove  Cansano  Cocullo  Corfinio  Introdacqua  Pacentro
  Pettorano sul Gizio  Pratola Peligna  Prezza  Raiano  Roccacasale  Scanno  Villalalgo  Vittorito
 
Home Area Informativa › I Comuni della Comunità Montana Peligna Zona F

  • Comune Pettorano sul Gizio




    INDIRIZZI E NUMERI UTILI

    MUNICIPIO

  • Sede del Comune: P.zza Zannelli
    C.A.P. 67034
    Tel. 0864.48115
    Fax 0864.487965
    Sito internet:
    Comune Pettorano
    E - Mail: servizisociali@comune.pettorano.aq.it
    Abitanti: 1281
    Altitudine s.l.m.: 650 m. s.l.m.
    Mercato settimanale: No
    Patrono: Santa Margherita
    Distanze in Km: da Sulmona Km

  • FRAZIONI
  • http://www.buonpastore.ilcannocchiale.it/

  • INFORMAZIONI TURISTICHE
  • Pro Loco
    Tel/Fax 0864.487004 - Pzza.Umberto I

    Riserva Naturale Monte Genzana Alto Gizio
    p. Rosario Zannelli
    Tel. 0864.487006
    ore 9-13 > 15-19

  • ASSOCIAZIONI
  • Associazione Culturale Pietro De Stephanis
  • Associazione Pro Loco
  • Associazione IL MURETTO
  • Associazione ITINERARI

  • EMERGENZE
  • Soccorso Pubblico
    Tel. 113
    Vigili del Fuoco
    Tel. 115
    Soccorso ACI
    Tel. 116
    Corpo Forestale dello Stato
    p. Umberto I, 1
    Tel. 0864.48111
    Stazione Carabinieri
    ctr. Preziosa, 1
    Tel. 0864.48112

  • EMERGENZE SANITARIE
  • Pronto Soccorso
    Tel. 118
    Guardia medica
    Circ. Sulmona
    Tel. 0864.499262
    Farmacia di Loreto M.
    p.zza Umberto I, 1
    Tel. 0864.48548


  • UFFICI POSTALI
  • Via San Giovanni
    Tel. 0864.48688/48120

  • TRASPORTI PUBBLICI
  • Stazione Ferroviaria
    Stazione di Pettorano su Gizio
    Tel. 0864.

    Autolinee
    [ARPA]
    Autolinee Region. Pubbliche Abruzzesi
    Info tel. 085.4215099
    SCHIAPPA
    via Autostrada per Roma
    Info: Tel.0864.74362 - Fax 0864.74530


  • TEMPO LIBERO
  • - Riserva Naturale Regionale Monte Genzana Alto Gizio
Storia
L'antichissimo centro fortificato di Colle Mitra, sul monte omonimo, si può considerare il primo insediamento stabile abitato dall'uomo nel territorio di Pettorano, paese assai ricco di testimonianze storiche.
Alcuni centri abitati posti soprattutto nelle vallate sottostanti il paese attuale precedettero, in epoca romana, il centro urbano vero e proprio, fondato nel medioevo.
Dell'epoca più antica è doveroso ricordare, oltre ai corredi tombali e ad alcune iscrizioni antiche, un notevole frammento epigrafico, l'unico ritrovato in occidente, dell'Edictum de pretiis, importante documento di carattere economico emanato dall'imperatore Diocleziano nel 301 d.C., conservato presso privati.
Il processo di sinecismo tipico dei primi tempi del medioevo, portò alla costituzione di "Pectoranum", il cui nucleo principale era e rimase per secoli il castello, secondo alcuni iniziato in epoca longobarda e attestato nei documenti a partire dal XI secolo. Intorno al fortilizio si sviluppò, soprattutto dal XVI secolo in poi, la cittadella, fornita di mura, ancor oggi ben riconoscibili.


Ingrandisci l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestraIngrandisci l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestraIl Castello e il vicino villaggio di Pacile sul Colle Mitra,furono teatro di vari avvenimenti nel medioevo e nel periodo feudale. In particolare, a partire dal 1310 il feudo fu tenuto dalla potente famiglia dei Cantelmo che, nel 1750 lo passarono ai Montemiletto, ultimi signori del paese.
Nel 1863 venne aggiunto "sul Gizio" al nome originario.
Ambiente
Pettorano sul Gizio, paese dell'Abruzzo interno e geograficamente appartenente alla Conca intermontana di Sulmona, sorge nella porzione terminale di una lunga e stretta valle, naturale via di collegamento tra la stessa Conca Peligna (400 m circa) e l'altopiano delle Cinquemiglia (1280 m circa). Il paese è posto su un promontorio di forma allungata, con orientamento NW-SE che ha condizionato nel tempo anche la forma del paese, disteso lungo il tipico asse appenninico. Il paese si affaccia sulla stretta e ripida Valle Frevana, da dove è possibile accedere all'ampia area ricompresa nella Riserva Naturale del Monte Genzana, da cui scaturiscono le acque della sorgente del fiume Gizio che tanta importanza riveste ancora oggi per l'approvvigionamento idrico di tutti i paesi della Conca Peligna. Il territorio di Pettorano è molto vasto ed eterogeneo morfologicamente: si passa dai piatti paesaggi della vasta pianura alluvionale della Valle Peligna agli ambienti tipicamente montani dell'area della Riserva del Monte Genzana (2170 m). Tale eterogeneità, unita ad una storia ricca di eventi e ad un patrimonio architettonico notevole e ben conservato, rendono Pettorano uno dei paesi più interessanti dell'Abruzzo interno.
Enogastronomia
- polenta
- pizzelle
Da Visitare   Manifestazioni
- Castello Cantelmo edificato nel sec. XI, nel corso dei secoli è stato ampliato e restaurato; recentemente ristrutturato
Vedi l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestra Borgo medievale, ampliato e definito nei secoli XVI-XVII, conserva la maggior parte delle Porte urbiche: P. S. Nicola, P. del mulino, P. S. Margherita, P. S. Marco
Vedi l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestra Palazzo Ducale, in origine dimora dei Cantelmo; al centro del cortile fontana secentesca
- Palazzi gentilizi: Gravina, Del Prete-Nola, Giuliani, Croce, Vitto-Massei
- Chiesa parrocchiale di San Dionisio, ricostruita all'inizio del XVIII secolo su quella più antica; murato sul lato esterno destro bel portale secentesco proveniente dal Convento dei Carmelitani
Vedi l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestra Fontana in bronzo con figure allegoriche (1897)
- Chiesa di San Rocco (sec. XVII), eretta dagli abitanti scampati alla peste
- Chiesa di San Giovanni, ricordata già nel sec. XII, recentemente ristrutturata
Vedi l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestra Castaldina, palazzo storico del XVIII secolo, originariamente residenza dei Castaldi, amministratori dei Cantelmo
- Chiesa della Madonna della Libera (sec. XVII)
Vedi l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestra Chiese extra-urbane: S. Nicola, S. Margherita (11), S. Sebastiano, con bel portale barocco
  Variabile febbraio:
Testamento di Carnevale - confessione in pubblico e in rima dei peccati della comunità
12 - 13 Luglio:
S. Margherita - Festa patronale
Ultima domenica di Dicembre:
Sagra della polenta
31 Dicembre
Serenata di capodanno - concerto per le vie del paese
Castello Cantelmo
Ingrandisci l'immagine - il collegamento si aprirà in una nuova finestraPettorano vanta uno dei più bei castelli medievali d'Abruzzo ed anche uno dei più importanti dal punto di vista strategico se il grande Federico II di Svevia ne fece dono al proprio figlio. Un documento del 1093 attesta un "castellu qui Pectorianu bocatur" e ci testimonia dunque che in quell'anno il castello era ormai un punto focale di aggregazione e di insediamento per la popolazione delle campagne. Le importanti trasformazioni economiche attuatesi tra la fine del X secolo e l'inizio dell'XI crearono i presupposti per tale "incastellamento". L'edificio fu dunque costruito nel corso dell'XI secolo, integrandosi in un sistema di fortificazioni comprendente i castelli circostanti (Popoli, Pacentro, Vittorito, Prezza e Anversa). La sua posizione risultava particolarmente strategica, essendo posto a controllo del passaggio tra la Valle Peligna e la Valle del Sangro, strettamente collegata con le regioni meridionali e Napoli. Originariamente doveva consistere nella sola torre centrale di avvistamento (puntone) secondo alcuni edificata già in epoca longobarda, a pianta pentagonale con la punta rivolta verso SW, intorno alla quale in epoca angioina fu innalzata l'attuale cinta muraria comprendente le due torri circolari superstiti. Ulteriori aggiunte e modifiche, soprattutto per rendere più sicuro e fortificato l'edificio, dovettero avvenire nel corso dei secoli, senza però alterare strutturalmente la pianta iniziale. Nella seconda metà dell'ottocento erano ancora visibili le quattro torri angolari, sebbene il fortilizio fosse già fortemente degradato. Gli imponenti resti del castello, recentemente restaurato, sono attualmente visitabili.
  • Visita i Comuni
  • DOVE SIAMO
  • Ingrandisci l'immagine
  • Turismo
  • Case Albergo
  • Ristoranti
  • Agriturismo
  • ORIENTEERING


Privacy - Disclaimer - Dichiarazione di accessibilità
Valid XHTML 1.0! Valid CSS!
Copyright © 2006 | Comunità Montana Peligna
Design & Powered by De Pamphilis