Anversa degli Abruzzi  Bugnara  Campo di Giove  Cansano  Cocullo  Corfinio  Introdacqua  Pacentro
  Pettorano sul Gizio  Pratola Peligna  Prezza  Raiano  Roccacasale  Scanno  Villalalgo  Vittorito
 
Home Area Istituzionale Progetti › Vivere le Riserve
Area Istituzionale
Operazione trasparenza


VIVERE LE RISERVE *
"Vivere le Riserve", manifestazione giunta alla quinta edizione, è stata in grado di promuovere la normale attività delle Riserve e le aree protette del territorio peligno ma soprattutto ha creato una sinergia e una comunione di intenti nella gestione delle stesse.
L'edizione dell'anno 2003, tenutasi nella Riserva delle Gole di San Venanzio a Raiano, ha riavviato il ciclo triennale dell'evento presente in ogni riserva peligna. Per l'anno 2004 l'evento si terrà come da calendario a Pettorano sul Gizio.
La Comunità Montana Peligna, dopo le prime quattro edizioni dell'evento "Vivere le Riserve" continua a sentire la necessità di ripetere ciclicamente questo evento in ognuna delle Riserve che insistono nel suo ambito territoriale: si tratta della Riserva Naturale Regionale Monte Genzana e Alto Gizio, la Riserva Naturale Regionale Gole del Sagittario e della Riserva Naturale Regionale Gole di San Venanzio.
Grazie alle precedenti edizioni della manifestazione, una manifestazione poliedrica fatta di momenti convegnistici, seminariali, espositivi e didattici, sono nati e si sono sviluppati presupposti ideali per incentivare lo sviluppo ecocompatibile delle aree protette e per realizzare un insieme di attività volte alla salvaguardia e alla valorizzazione dell'ambiente naturale.
Solo attraverso la riflessione e il dibattito, nato dalle relazioni e dagli interventi dei tecnici e degli esperti del settore, è emerso come solo lo sviluppo sinergico tra le varie Riserve può essere spunto per l'incremento delle attività, delle infrastrutture e in particolar modo dello sviluppo economico e sociale delle comunità locali.
Grazie all'attività congiunta e programmata quanto detto non sarebbe più solo una opportunità ma diverrebbe una realtà; una realtà che trova nuova linfa vitale rivivendo attraverso lo sviluppo economico e sociale unitamente a quello del turismo ambientale.
Le manifestazioni delle scorse edizioni, oltre a meravigliare per la singolarità del sito scelto, hanno offerto al pubblico e al visitatore scenari fantastici tanto per le immagini quanto per la puntualità e la scientificità delle informazioni relative ad aspetti ambientali, floristici e faunistici assieme a quelli archeologici ed artistici delle quattro aree protette.
Questi sono i naturali motivi per cui in tutti i casi l'evento ha sempre riportato un grosso successo sia per la qualità sia per l'importanza dei temi trattati
Attorno a queste tematiche si sono confrontati i rappresentanti delle associazioni ambientalistiche nazionali, docenti e ricercatori delle più note università italiane, gli operatori locali e i politici della regione.
Grande soddisfazione è derivata dal fatto che, l'evento è riuscito ad avvicinare la popolazione alle emergenze legate all'ambiente e quindi alle aree protette anche se molto ancora deve essere fatto.
La sensibilizzazione del pubblico è stato e continuerà ad essere uno dei capisaldi della manifestazione. Alla luce di ciò sempre hanno svolto un ruolo fondamentale all'interno del progetto gli interventi per la sensibilizzazione e l'informazione delle comunità locali e degli Enti Pubblici coinvolti.
Per questi stessi motivi particolarmente interessante è stata la presenza di un pubblico giovanissimo il quale ha partecipato con entusiasmo perché stimolato dall'attenzione che i programmi didattici, scolastici ed extrascolastici, riservano alla questione ambientale.
Ai giovani studenti delle scuole locali, il progetto Vivere le Riserve rivolge lo sviluppo e la realizzazione di programmi mirati. In tal senso ottima è stata la partecipazione delle scuole di Raiano, Pettorano Sul Gizio e Anversa degli Abruzzi che hanno partecipato alle visite guidate nelle riserve e ai laboratori.
La manifestazione in quattro anni è riuscita nel suo intento oroginario di creare una rete delle riserve peligne e abruzzesi. Ma soprattutto si è riusciti a sensibilizzare l'opinione pubblica intorno alle aree protette e alle tematiche ad esse legate. Grande risultato è senza dubbio la partecipazione delle scuole del territorio attraverso una mirata educazione ambientale, giò avviata nelle scuole, e resa tangibile attraverso l'incontro ravvicinato con il territorio gestito dalle riserve.
Privacy - Disclaimer - Dichiarazione di accessibilità
Valid XHTML 1.0! Valid CSS!
Copyright © 2006 | Comunità Montana Peligna
Design & Powered by De Pamphilis